google-site-verification=BpoF4Y_ffVMaAsH2M9X_e9MKwSxpRlE5ZJ0r8CWrHTo Parrochiasacro Cuore d Gesù a Ponte Mammolo Roma/Catechesi Comunitaria

 

 

 

 

 

 

 Il Giovedì in Parrocchia: 

Preghiera personale,

Santa Messa 

Catechesi comunitaria

 


 

17.00

Esposizione e Adorazione personale silenziosa
 

17.15

Preghiera del Vespro, dell’Angelus e del S. Rosario Benedizione Eucaristica
 

18.30

S. Messa


19.00

Catechesi per tutta la Comunità, in particolare per tutti i collaboratori pastorali

 

 

Catechesi del Giovedì

 

a partire dal tema diocesano dell'Anno:

 

Abitare con il cuore la Città
Mossi dallo Spirito Santo
Itinerario di formazione 2019-2020 alla luce degli
Atti degli Apostoli

Per prepararsi all'incontro di catechesi...

  • Giovedì 3 Ottobre:     Introduzione al tema dell'Anno.

               

                                               

                                               Chi non è mosso dallo Spirito, attesta che poco

 

                                               obbedisce a Cristo. Poco vive il Vangelo.

   

                                               Poco osserva la Parola   

  • Giovedì 10 Ottobre:   Voi invece, tra non molti giorni, sarete battezzati in Spirito Santo        

                                               La pastorale vera inizia dal proprio cuore, dalla propria mente,

                                               dal proprio corpo. È questa la vera pastorale,

                                               ma anche la nostra vera missione: fare di noi stessi

                                               una perfetta immagine di Gesù Signore.

  • Giovedì 17 Ottobre:    E tutti furono colmati di Spirito Santo

                                                Ogni sacramento che riceviamo ci immerge in una speciale

                                                grazia, verità, luce di Gesù Signore. Battesimo, cresima,

                                                eucaristia, penitenza, unzione degli infermi, ordine sacro,

                                                matrimonio, ognuno di questi sacramenti

                                                è una speciale immersione nello Spirito

  • Giovedì 24 Ottobre:    Voi siete i figli dei profeti e dell'alleanza che Dio stabilì

                                 

                                                con i vostri padri

                                                Tutte le promesse, le profezie, i giuramenti, gli oracoli

                                                del Signore sono state fatte ai figli di Abramo e per

                                                i figli di Abramo ad ogni altro uomo. Anche questa verità

                                                mai va dimenticata. Cristo è discendenza di Abramo secondo

                                                la carne. Lui è la salvezza del popolo d’Israele. Ma è in Lui,

                                                con Lui, per Lui, che ogni altro uomo potrà essere salvato.

                                                Oggi la salvezza del mondo è per il Corpo di Cristo e in esso

  • Giovedì 7 Novembre:  Quand'ebbero terminato la preghiera, il luogo in cui erano

                                                radunati tremò e tutti furono colmati di Spirito Santo e

                                                proclamavano la parola di Dio con franchezza   

 

                                                Qual è la volontà di Dio in ordine agli Apostoli? È il compimento

                                                della missione evangelizzatrice verso ogni uomo, verso

                                                tutti i popoli. Cosa devono chiedere gli Apostoli nella preghiera?

                                                Che si possa dare a Cristo Gesù ogni obbedienza. Poiché tante

                                                cose non dipendono dagli Apostoli, ma dagli uomini, allora si

                                                chiede al Signore che doni loro la forza di annunciare il Vangelo,                                                                    spianando a Lui la strada.

 

 

 

 

 

  • Giovedì 14 Novembre: E di questi fatti siamo testimoni noi e lo Spirito Santo, che

                                                  Dio ha dato a quelli che gli obbediscono       

                                                  Ogni membro del corpo di Cristo può meritare il premio di

                                                  nuovi figli da dare a Dio. È quanto è sempre avvenuto con i santi.

                                                  Per la loro piena obbedienza alla Parola e consegna a Cristo

                                                  Signore, il Padre, per lo Spirito Santo, ha dato non solo ai

                                                  grandi fondatori di ordini, congregazioni, movimenti e

                                                  associazioni un grande numero di figli.

  • Giovedì 21 Novembre:  Noi, invece, ci dedicheremo alla preghiera e al servizio della Parola

                                                   Organizzare la carità materiale e spirituale non è facile in   

                                                   una comunità. Mancano i soggetti. Perché privi dei requisiti

                                                   richiesti. I requisiti sono essenziali. Uno storpio non può correre.

                                                   Un muto non può parlare. Un cieco non può vedere. Un sordo

                                                   non può udire. Un ignorante non può insegnare. Uno che manca

                                                   di ogni virtù non può governare, perché il governo è

                                                   nell’esercizio delle virtù. [...] Senza requisiti necessari non

                                                   si può accedere a nessun ministero o incarico nella Chiesa.

                                                   Un catechista senza formazione adeguata nelle cose del

                                                   Signore, insegnerà falsità a quanti sono affidati alle sue

                                                   cure. Nutrire un cuore di menzogne è peccato gravissimo.

                                                   Meglio astenersi dall’insegnamento della dottrina cristiana,

                                                   anziché educare giovani vite alla dottrina di Satana

                                                   e alla falsità.

  • Giovedì 28 Novembre:    Stefano intanto, pieno di grazia e di potenza, faceva grandi

 

                                                     prodigi e segni tra il popolo

 

                                                     

                                                     Più si cresce nello Spirito Santo, perché si cresce in

                                                     conformità a Cristo Gesù e più si producono frutti secondo

                                                     lo Spirito del Signore. Meno si cresce e meno frutti si

                                                     produrranno. La vera missione, la vera pastorale, la vera

                                                     evangelizzazione è un frutto della verità di Cristo

                                                     e dello Spirito in noi

 

 

 

 

  • Giovedì 5 Dicembre:      Ma egli, pieno di Spirito Santo, fissando il cielo, vide la

                                                   gloria di Dio e Gesù che stava alla destra di Dio

                                                   La perseveranza è sino alla morte, ma la morte non è il

                                                   discepolo di Gesù che deve deciderla. Ogni decisione nella

                                                   sua vita, per la sua vita appartiene al Padre celeste, nello

                                                   Spirito Santo. Il fine del discepolo di Gesù non è il martirio,

                                                   ma l’evangelizzazione. Il fine è far conoscere Cristo. Tutta

                                                   la vita è consacrazione a questo fine. Si fa conoscere Cristo,

                                                   annunziando il suo mistero, manifestandolo visibile nel

                                                   nostro corpo.

  • Giovedì 12 Dicembre:   Allora imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.  

                                                  Chiediamoci: qual è oggi la vera povertà della Chiesa e perché

                                                  essa è senza forza di convincimento e di attrazione di altri

                                                  uomini e donne a Cristo Gesù? La povertà del cristiano è il

                                                  cristiano senza l’altro cristiano. Il battezzato è senza il battezzato

                                                  e senza tutti gli altri cristiani che hanno ricevuto una più grande

                                                  conformazione a Cristo Gesù. La stessa verità vale per il cresimato,

                                                  il diacono, il presbitero, il vescovo, il papa. Se si è cristiani da soli,

                                                  non si è cristiani, perché non si è vero corpo di Cristo.

 

  • Giovedì 19  Dicembre:  Disse allora lo Spirito a Filippo: "Va' avanti e accòstati a quel carro".  

 

 

                                                  Tutti possono leggere la Scrittura, anzi devono leggerla. Tutti

                                                  hanno però bisogno di chi la spieghi. L’eunuco legge la Scrittura,

                                                  ma non la comprende. Senza comprensione mai potrà nascere 

                                                  la vera fede. Filippo gliela spiega, l’eunuco comprende il mistero

                                                  di Cristo, chiede il battesimo. Evangelizzazione, spiegazione

                                                  della Scrittura, Sacramenti sono una cosa sola, mai due o più cose.

 

 

  • Giovedì 9 Gennaio:        Egli è lo strumento che ho scelto per me, affinché porti il mio nome

                                                   dinanzi alle nazioni, ai re e ai figli d'Israele; e io gli mostrerò quanto

                                                   dovrà soffrire per il mio nome.

                                                   Ad Anania il Signore manifesta qual è la missione che Paolo dovrà

                                                   vivere … Paolo sarà veramente il crocifisso per Cristo Gesù.

                                                   La sua vita è un andare per il mondo annunziando Cristo e questi                                                                 Crocifisso, unica speranza per l’uomo.

 

 

 

  • Giovedì 16 Gennaio:   Allora Bàrnaba lo prese con sé, lo condusse dagli apostoli e raccontò

                                                loro come, durante il viaggio, aveva visto il Signore che gli aveva

                                                parlato e come in Damasco aveva predicato con coraggio nel nome

                                                di Gesù.

                                                Paolo viene a Gerusalemme da vero discepolo del Signore. Gli altri

                                                discepoli non si fidano di lui. Lo conoscono come persecutore e

                                                non come discepolo. Bàrnaba si prende cura di accreditarlo presso

                                                gli altri discepoli, testimoniando per lui, attestando che realmente,

                                                veramente è discepolo del Signore. Senza questo accreditamento

                                                Paolo sarebbe stato isolato. Si diffidava di lui.

                        

  • Giovedì 23 Gennaio:   E i fedeli circoncisi, che erano venuti con Pietro, si stupirono che

                                                anche sui pagani si fosse effuso il dono dello Spirito Santo.

                                                Pietro in questa storia è il testimone ufficiale dello Spirito Santo.

                                                Lui dovrà attestare a tutta la Chiesa non ciò che lui ha fatto, ma

                                                ciò che lo Spirito ha fatto. Qualcuno potrebbe anche dubitare della

                                                visione di Pietro sulla terrazza. Potrebbe anche dubitare della visione

                                                di Cornelio. Nessuno potrà però mai dubitare della discesa dello

                                                Spirito Santo in casa di Cornelio, perché è avvenuta alla presenza

                                                di molti.

  • Giovedì 30 Gennaio:    Quando questi giunse e vide la grazia di Dio, si rallegrò ed esortava

                                                 tutti a restare, con cuore risoluto, fedeli al Signore.

                                                 Nella comunità di Antiochia vi è una fioritura eccezionale di doni

                                                 dello Spirito Santo. Quando Bàrnaba viene in Antiochia, mandato

                                                 dalla Chiesa di Gerusalemme, vide la grazia di Dio che abbondava

                                                 in essa e se ne rallegrò molto. Ma questo non è ancora sufficiente.

                                                 A nulla serve iniziare, se poi non si persevera in quello che lo

                                                 Spirito Santo ha iniziato a fare per mezzo nostro. Bàrnaba esorta

                                                 a perseverare. A nulla serve iniziare se poi non si persevera.

                                                 La salvezza è dalla perseveranza.                              

  • Giovedì 6 Febbraio:      Ora so veramente che il Signore ha mandato il suo angelo e

                                                  mi ha strappato dalla mano di Erode ...    

                                                  Nella liberazione di Pietro per opera dell’Angelo, il Signore dona

                                                  alla sua Chiesa il suo conforto, la sua consolazione, ne accresce

                                                  la fede e la speranza, infonde la certezza che i discepoli del Signore

                                                  non sono soli. Quanto Gesù ha loro detto: “Io sarò con voi tutti i

                                                  giorni fino alla fine del mondo”, non è una falsa promessa.

                                                  È realtà, storia. Veramente il Signore è con Pietro e con ogni

                                                  altro suo discepolo. È Lui il loro Signore.

  • Giovedì 13 Febbraio:    C’erano nella Chiesa di Antiòchia profeti e maestri

 

       

                                                  La missione di Paolo e Barnaba ha origine nel cuore dello

                                                  Spirito Santo. Attenzione: non è a Paolo e a Barnaba che lo

                                                  Spirito Santo dice di prepararsi per la Missione, ma è alla Chiesa

                                                  che lo dice. Non è il singolo che è chiamato. Lo Spirito manifesta

                                                  la sua volontà alla Chiesa. La Chiesa obbedisce allo Spirito Santo,

                                                  Paolo e Barnaba infatti sono mandati dallo Spirito Santo

                                                  e dalla Chiesa.                                            

 

  • Giovedì 20 Febbraio:    La parola del Signore si diffondeva per tutta la regione. Ma i Giudei                                                       sobillarono le pie donne della nobiltà e i notabili della città e

                                                  suscitarono una persecuzione contro Paolo e Bàrnaba e li cacciarono

                                                  dal loro territorio. 

                                                  Il rifiuto del Vangelo per volontà, per cattiveria del cuore e per

                                                  malvagità dello spirito dell’uomo, si trasforma in odio verso

                                                  quanti annunciano la Parola. L’odio può commettere ogni delitto,

                                                  compresa la morte degli evangelizzatori. Esso è sempre frutto del                                                                  peccato che governa la nostra vita. Dove c’è odio contro la verità,

                                                  c’è sempre odio contro la Parola del Signore. Non c’è obbedienza

                                                  alla Parola.

  • Giovedì 27 Febbraio:    Dopo aver annunciato il Vangelo a quella città e aver fatto un

                                                  numero considerevole di discepoli, ritornarono a Listra, Icònio e

                                                  Antiòchia, confermando i discepoli ed esortandoli a restare saldi

                                                  nella fede "perché - dicevano - dobbiamo entrare nel regno di Dio

                                                  attraverso molte tribolazioni".

                                                  L’esortazione è vera, giusta, operatrice di frutti di salvezza, quando

                                                  viene fondata sulla nostra perseveranza e sul dono ai fratelli dei

                                                  fondamenti razionali, tratti dalla Scrittura e dalla Storia, che

                                                  attestano la verità del nostro cammino. Fonte di esortazione è la

                                                  catechesi, sono le omelie, ogni altra via per l’insegnamento della

                                                  dottrina cristiana. Sciupare una di queste vie ci rende responsabili

                                                  dinanzi a Dio.                                                                   

                                                

  • Lunedì 3 Marzo:       (Esercizi spirituali) Elemosina, preghiera, digiuno non sono opere

                                            quaresimali, ma opere quotidiane del Discepolo di Gesù. Opera

                                            particolare della Quaresima è la conformazione più vera e più santa

                                            a Cristo che deve portare ogni discepolo di Gesù a offrire la vita 

                                            a Cristo, perché Cristo ne faccia un sacrificio nel suo sacrificio per

                                            la redenzione del mondo.

                                                                                             L'elemosina

                                            Cristo Gesù è la grande elemosina del Padre per la nostra salvezza.

                                            In Cristo Gesù ogni suo discepolo è chiamato a divenire grande

                                            elemosina di Cristo da offrire al Padre in sacrificio per la salvezza di

                                            ogni fratello che vive sulla nostra terra.

  • Martedì 4 Marzo:     (Esercizi spirituali) 

                                                                                           La preghiera 

                                             Gesù si lascia afferrare dallo Spirito Santo e da Lui immergere nel

                                             cuore del Padre per essere trasformato nella sua umanità in amore,

                                             luce, giustizia, pensiero, desiderio del Padre. Possiamo paragonare la

                                             preghiera di Gesù all’azione del fabbro. Questi prende il ferro con le

                                             pinze, lo immerge nel fuoco, lo fa divenire fuoco, lo lavora con arte

                                             e scienza per farne un utensile secondo le sue necessità. Lo Spirito

                                             Santo è il Fabbro divino. Prende l’umanità di Gesù, la immerge nel

                                             fuoco della santità del Padre, se ne serve secondo la volontà del Padre. 

                                             Senza questo battesimo e questa immersione nel fuoco eterno del Padre

                                             anche l’umanità di Gesù sarebbe poco malleabile per il perfetto

                                             compimento della volontà del Padre.

  • Mercoledì 5 Marzo:  (Esercizi spirituali) 

                                                                                            Il digiuno

                                              Il vero digiuno che il Signore chiede è privare il cuore, la mente,

                                              il corpo da ogni disobbedienza e ogni vizio, da ogni trasgressione

                                              dei suoi Comandamenti. Vuole che il suo discepolo sia colmato

                                              di verità, giustizia, carità, Spirito Santo, perché vengano prodotti

                                              tutti i suoi frutti di pace, gioia, amore, benevolenza, compassione,

                                              unità, misericordia, e ogni altro bene.  Il Signore, per mezzo del

                                              profeta Isaia, così purifica il digiuno. Lui non vuole cenere e stracci e

                                              privazione da qualche alimento. Lui chiede, per chi vuole digiunare,

                                              la perfetta osservanza di ogni sua Parola.  Per noi, discepoli di Gesù,

                                              il vero digiuno dovrebbe consistere nell’obbedienza a tutto il Discorso

                                              della Montagna. Se la Quaresima ci portasse a questo digiuno, sarebbe

                                              veramente una Quaresima vissuta secondo verità e giustizia, purezza

                                              di amore davanti a Dio e all’umanità intera.

  • Giovedì 6 Marzo:      (Esercizi spirituali) Allora si riunirono gli apostoli e gli anziani per                                                          esaminare questo problema. 

                                             Se oggi c’è una cosa che va fatta con somma urgenza è la liberazione

                                             della fede da ogni sentimentalismo di pensiero umano. Guai a

                                             fondare la fede sulla volontà dell’uomo. L’essere precede la volontà.

                                             È la volontà che si deve adeguare all’essere, mai l’essere alla volontà.

                                             Volere adeguare l’essere alla volontà conduce alla morte della vera

                                             fede. Oggi la fede sta morendo per questo stolto adeguamento.

 

  • Giovedì 12 Marzo:    È parso bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi,

                                             Oggi moltissime decisioni “dogmatiche”, cioè di “purissima verità”,

                                             non sono prese nello Spirito Santo perché sono in evidente contrasto

                                             con la rivelazione, con la sana dottrina, la vera moralità che è

                                             obbedienza alla Parola. Poiché sono pensieri dell’uomo e non verità

                                             dello Spirito Santo, altro non fanno che creare tanta confusione

                                             nei cuori. Sono pensieri di tenebre e non di luce.

  • Giovedì 19 Marzo:    Durante la notte apparve a Paolo una visione: era un Macèdone che

                                             lo supplicava: "Vieni in Macedonia e aiutaci!". Dopo che ebbe questa

                                             visione, subito cercammo di partire per la Macedonia, ritenendo che

                                             Dio ci avesse chiamati ad annunciare loro il Vangelo.

                                             Un discepolo di Gesù deve essere sempre capace di ascoltare il grido

                                             di aiuto che lo Spirito Santo fa giungere a lui attraverso la voce

                                             dell’uomo. Potrà ascoltare lo Spirito, se Lui cammina nello Spirito.

                                             Se è senza lo Spirito Santo nel suo cuore, l’uomo potrà anche gridare,

                                             mai però sarà ascoltato. Ha piombo fuso nel suo orecchio e nessun

                                             grido o gemito dello Spirito Santo giungerà al suo cuore.

                                             

  • Giovedì 26 Marzo:   Verso mezzanotte Paolo e Sila, in preghiera, cantavano inni a Dio,

                                            mentre i prigionieri stavano ad ascoltarli. D'improvviso venne un

                                            terremoto così forte che furono scosse le fondamenta della prigione;

                                            subito si aprirono tutte le porte e caddero le catene di tutti.

                                            Quando il discepolo dona la sua vita al Padre, per Cristo, nello

                                            Spirito Santo, la vita è donata in ogni suo momento. Cuore, mente,

                                            volontà, anima, sentimenti, desideri devono essere dati al Signore,

                                            perché Lui se ne serva per la redenzione di molti cuori. A nulla può

                                            servire qualsiasi autovettura, se il proprietario non potesse disporre

                                            di essa secondo la sua volontà. Lui la usa. L’autovettura si lascia usare.

  • Giovedì 2 Aprile:    Allora i fratelli, durante la notte, fecero partire subito Paolo e Sila

                                          verso Berea. Giunti là, entrarono nella sinagoga dei Giudei. Questi

                                          erano di sentimenti più nobili di quelli di Tessalònica e accolsero

                                          la Parola con grande entusiasmo, esaminando ogni giorno le Scritture

                                          per vedere se le cose stavano davvero così.

                                          Paolo è tutto consegnato al suo Signore. Se il suo Signore vuole che

                                          lui predichi il Vangelo in un luogo, lui rimane in quel luogo finché è

                                          volontà del Signore che vi rimanga. Se il Signore vuole che lui si rechi

                                          altrove, lui lascia e va dove il Signore lo manda. Lui vive alla maniera

                                          di Gesù. Se il Padre lo manda a Cafàrnao, Lui si reca a Cafàrnao. Se il

                                          Padre lo manda in Giudea, Lui si reca in Giudea.

  • Giovedì 17 Aprile: Una notte, in visione, il Signore disse a Paolo: "Non aver paura;

                                         continua a parlare e non tacere, perché io sono con te e nessuno

                                         cercherà di farti del male: in questa città io ho un popolo numeroso". 

                                         Così Paolo si fermò un anno e mezzo, e insegnava fra loro la parola

                                         di Dio.   

                                         Il conforto dello Spirito Santo o la consolazione da parte del Signore

                                         sono energia divina che si riversa sul missionario di Gesù e gli

                                         infonde nuovo vigore e ogni forza per continuare la battaglia per

                                         il compimento della divina volontà che lui è chiamato a realizzare

                                         per tutti i giorni della sua vita. Questa divina modalità deve essere

                                         vissuta anche dal missionario verso gli altri missionari e verso ogni

                                         fedele in Cristo Gesù. Una comunità nella quale regna la consolazione

                                         è capace di qualsiasi progresso spirituale.

  • Giovedì 23 Aprile:  [Paolo] Entrato poi nella sinagoga, vi poté parlare liberamente

                                          per tre mesi, discutendo e cercando di persuadere gli ascoltatori di ciò

                                          che riguarda il regno di Dio.

                                          È il ministro della Parola il vivificatore della comunità. Se la sua

                                          luce cresce, il popolo cresce. Se la sua luce diminuisce, il popolo si

                                          abbandona al pensiero del mondo. Se la luce del ministro della

                                          Parola si spegne, il popolo cammina nell’oscurità. Grande è la                                                                  responsabilità del ministro della Parola. Oggi i ministri della

                                          Parola hanno rinunciato ad essa. Il popolo sta rinunciando a Cristo.

  • Giovedì 30 Aprile:  Il primo giorno della settimana ci eravamo riuniti a spezzare il pane,

                                          e Paolo, che doveva partire il giorno dopo, conversava con loro e

                                          prolungò il discorso fino a mezzanotte.  

                                         Il giorno del Signore dovrà essere dedicato dal cristiano a nutrire il

                                         suo cuore di Spirito Santo, la sua anima di Eucaristia, la sua mente

                                         di Parola del Signore. Non basta allora partecipare alla Santa Messa

                                         in modo fugace e sbrigativo, cercando quella più utile per poi dedicarsi

                                         alle proprie attività. Urge consacrare tutto questo giorno allo spirito e

                                         all’anima. Poi ogni altra cosa verrà con semplicità.

  • Giovedì 7 Maggio: E ora, ecco, io so che non vedrete più il mio volto, voi tutti tra i quali

                                          sono passato annunciando il Regno. 

                                         Paolo è ministro di Cristo e amministratore dei misteri di Dio.

                                         Con ogni persona sempre si relaziona dalla volontà di Dio e nel più

                                         grande rispetto di essa. Lui porta tutti nel cuore, ma per porli nel cuore

                                         di Cristo Gesù. Per questa ragione sia che parta e sia che rimanga

                                         è sempre con quanti lui ha evangelizzato. Basta leggere le sue

                                         Lettere e si potrà notare che nessuna persona è da lui dimenticata

  • Giovedì 14 Maggio: Così tutti verranno a sapere che non c'è nulla di vero in quello che

                                            hanno sentito dire, ma che invece anche tu ti comporti bene,

                                            osservando la Legge. 

 

                                            Ogni discepolo di Gesù deve sempre separare il luogo dove la fede

                                            non si può vivere dal luogo in cui essa si può vivere; il luogo in cui

                                            si può obbedire al Signore e il luogo nel quale l’obbedienza

                                            è impossibile. Fuggire le occasioni prossime di peccato questo

                                            significa: evita i luoghi dove è impossibile vivere la fede.

  • Giovedì 21 Maggio:  Dopo il mio ritorno a Gerusalemme, mentre pregavo nel tempio,

                                             fui rapito in estasi e vidi lui che mi diceva: "Affréttati ed esci presto

                                             da Gerusalemme, perché non accetteranno la tua testimonianza su

                                             di me". 

                                             Perché Paolo non deve più vivere? Perché ha abbandonato la

                                             maschera del Dio di Abramo e ha indossato il vero Volto del Dio di

                                             Gesù Cristo. È questa la sua colpa e per essa deve morire. Chi uccide

                                             l’adoratore di un altro Dio, è sempre un falso adoratore e

                                             un falso uomo.

  • Giovedì 28 Maggio:  "Il prigioniero Paolo mi ha fatto chiamare e mi ha chiesto di condurre

                                              da te questo ragazzo, perché ha da dirti qualche cosa".

                                            Quando i fratelli decisero di uccidere Giuseppe, il Signore si servì

                                            prima di uno dei fratelli perché gli fosse risparmiata la vita. Poi

                                            si servì di un altro suo fratello perché fosse venduto agli Ismaeliti 

                                            che andavano a vendere i loro prodotti agli Egiziani. L’uomo diviene

                                            strumento inconscio del grande progetto del Signore di elevare

                                            Giuseppe a viceré in Egitto. Vie misteriose e arcane.

  • Giovedì 4 Giugno:   Ma quando egli si mise a parlare di giustizia, di continenza e del

                                           giudizio futuro, Felice si spaventò e disse: "Per il momento puoi
                                           andare; ti farò chiamare quando ne avrò il tempo". 

                                           Separare la fede dalla Parola e la morale dall’obbedienza alla Parola,

                                           e fede e morale anche dalla grazia, è il più grave dei delitti che si

                                           possano commettere contro Dio e contro l’uomo. Chi non vuole

                                           macchiarsi di questo peccato satanico, deve necessariamente

                                           unire la fede e la morale alla Parola di Dio, compiuta da Cristo 

                                           e in Cristo, e inoltre deve unire fede e morale alla grazia che

                                           rigenera, eleva, santifica.

  • Giovedì 12 Giugno:  E Agrippa disse a Festo: "Vorrei anche io ascoltare quell'uomo!".

                                           Il desiderio di ascoltare Paolo cambia lo stato religioso di Agrippa.

                                           Se prima era ignorante o superficialmente informato, con la narrazione

                                           che gli farà Paolo entrerà nella piena conoscenza del mistero di Cristo

                                           Gesù. Vale anche per lui la regola annunziata da Gesù Signore: chi

                                           crederà, sarà battezzato, sarà salvo. Chi non crederà sarà condannato.

                                           Per Agrippa è giunta l’ora della decisione.

  • Giovedì 18 Giugno:  Credi, o re Agrippa, nei profeti? So che ci credi». E Agrippa a Paolo:

                                            «Per poco non mi convinci a farmi cristiano!».

                                            Agrippa dialoga con Paolo. Non si chiude alla grazia, ma il rispetto

                                            umano è più forte della sua volontà. Per aderire a Gesù Signore ci

                                            si deve liberare da tutto e da tutti, se è necessario anche del regno.

                                            Ma il re è troppo attaccato alla sua persona e alle sue cose. Troppe

                                            spine sono nel suo cuore e impediscono che la Parola di Paolo possa

                                            produrre frutti. La terra per lui vale più del cielo.

  • Giovedì 25 Giugno:  Paolo allora, alzatosi in mezzo a loro, disse: "Uomini, avreste dovuto

                                            dar retta a me e non salpare da Creta; avremmo evitato questo

                                            pericolo e questo danno...

                                            Dal giorno in cui la luce di Gesù Risorto lo ha avvolto, Paolo è stato

                                            sempre dalla voce dello Spirito Santo. Per questa sua obbedienza il

                                            Padre ha dato la salvezza a molti cuori. Per questa sua obbedienza

                                            ha salvato tutti coloro che si trovavano sulla nave. Per amore verso

                                            Paolo il Signore non ha permesso che alcuno venisse inghiottito

                                            dalle acque. La nave porterà tutti vicino alla riva.

                                            Paolo trascorse due anni interi nella casa che aveva preso in affitto e

                                            accoglieva tutti quelli che venivano da lui, annunciando il regno di Dio

                                            e insegnando le cose riguardanti il Signore Gesù Cristo, con tutta

                                            franchezza e senza impedimento.

                                            I profeti del Dio vivente, i missionari di Cristo Gesù, sono vera grazia

                                            di salvezza. Il Signore sacrifica la loro vita perché quanti sono dal

                                            cuore indurito possano convertirsi e rientrare nella fedeltà

                                            all’alleanza. Profeti e missionari oltre che essere grazia di salvezza,

                                            sono testimoni per l’eternità della fedeltà del Signore ad ogni sua

                                            promessa, giuramento, oracolo, parola. Quanto Lui ha detto, lo ha

                                            adempiuto.

        Conclusione della Catechesi: La salvezza del mondo – e anche della Chiesa – oggi è da ogni

                                           singolo discepolo di Gesù che si mette in ascolto della voce dello Spirito

                                           Santo e decide di essere vero testimone non di Cristo Gesù, ma della

                                            bellezza, forza, potenza di redenzione che possiede il suo Vangelo,

                                            se vissuto in ogni sua Parola. Chiesa, Spirito Santo, Cristo Gesù,

                                            Vangelo sono e devono rimanere una cosa sola in eterno.

                                            Che la Madre di Dio e Madre nostra, gli Angeli e i Santi, ci prendano

                                            per mano e ci facciano veri testimoni della potenza di salvezza che è nel

                                            Vangelo di Gesù Signore.

        File completo della Catechesi comunitaria 2019-2020

ORARI SANTE MESSE
(attualmente vigente)

Sante Messe Feriali:       7,30

                                              18,30  

                                           

Sante Messe Domenicali e Festive:

 

(Sabato sera e Vigilie)      18,30

(Domenica e Festività)     08,30

                                               10,00

                                               11,30

                                               19,00

    CONTATTI

  Parrocchia Sacro Cuore di Gesù a Ponte Mammolo

Tel:   06-40.73.176/

06-42.91.71.19

 

  Via Casal de' Pazzi 88, 

00156 ROMA

 

  

SCRIVICI:

all right reserved - @ copyright 2017  Created by SaintSeyia78